0382 28286 segreteria@consulentidellavoro.pv.it
Accedi o iscriviti

CONVENZIONE CONSIGLIO PROVINCIALE CONSULENTI DEL LAVORO DI PAVIA – UNIVERSITA’ DI PAVIA

22/02/2016 | Preceduta e promossa da una Convenzione-quadro del luglio 2013 tra Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali e Consiglio Nazionale dell’Ordine dei Consulenti del Lavoro, è stata posta in ess

Tale convenzione prevede che gli studenti dell’Ateneo pavese, iscritti ai corsi di laurea afferenti i dipartimenti di giurisprudenza, economia e scienze politiche, frequentanti l’ultimo anno dei corsi di laurea triennali oppure  l’ultimo anno delle lauree magistrali o l’ultimo di quelle a ciclo unico, possano svolgere, prima del conseguimento della laurea, una parte (sei mesi) del tirocinio professionale necessario per l’ammissione all’esame di abilitazione alla professione di Consulente del Lavoro.

 

L’obiettivo della convenzione stipulata tra l’Università degli Studi e il Consiglio Provinciale dell’Ordine dei Consulenti del Lavoro è quello di promuovere l’accesso alla professione degli studenti dei Corsi di laurea afferenti le facoltà di giurisprudenza, economia e scienze politiche, oltre a promuovere opportunità di incontro e reciproca sperimentazione.

Dunque, mentre ancora stanno studiando in università, gli studenti che si trovano nelle condizioni previste dalla convenzione potranno accedere al tirocinio e integrare la formazione teorica sperimentando sul campo i rapporti interpersonali e le concrete dinamiche di uno studio professionale di consulenza del lavoro.

Per gli studenti, oltre all’indubbia portata orientativa e formativa di questa pur breve immersione nel mondo del lavoro e delle professioni, il valore aggiunto della convenzione concerne nella possibilità di “scontare” i sei mesi di tirocinio dal periodo di pratica (attualmente di 18 mesi) richiesto dalla legge per poter accedere agli esami di abilitazione alla professione di Consulente del Lavoro.

Non solo. Un ulteriore vantaggio per gli studenti/tirocinanti consiste nel fatto che la formazione “sul campo” presso gli studi professionali consentirà loro di acquisire un numero di CFU (crediti formativi universitari) quanti ne potrebbero acquisire in sei mesi di studio universitario.

Al tirocinio possono accedere gli studenti che hanno sostenuto e superato tutti gli esami del primo e secondo anno per i corsi di laurea triennali, tutti quelli del primo anno per le lauree magistrali e quelli del quarto per i corsi di laurea a ciclo unico.

Il periodo di pratica, della durata di 6 mesi, si svolgerà presso lo studio professionale di un Consulente del Lavoro resosi disponibile o individuato dal Consiglio dell’Ordine di Pavia. Durante tale periodo lo studente/praticante dovrà frequentare assiduamente lo Studio professionale e concordare le sue presenze, compatibilmente con gli impegni di studio universitario, con il professionista/tutor.

Il periodo di tirocinio previsto dal Progetto formativo Università/Ordine CdL, verrà posto in essere previa sottoscrizione del progetto formativo (vedasi allegato).

Lo Studio di accoglienza dello studente/tirocinante non sarà tenuto al versamento di alcun compenso sotto qualsiasi forma né contribuzione di alcun tipo.   

Per lo stesso periodo previsto dal Progetto formativo l’Università degli Studi di Pavia, a norma del D.P.R. n. 156 del 09.04.1999 e successive modificazioni, garantisce idonea tutela antinfortunistica – speciale formula di gestione per conto Stato – INAIL; adeguata copertura assicurativa per i rischi derivanti dalla Responsabilità Civile verso terzi con polizza n. M99007237/04 della Compagnia Assicuratrice Fondiaria-Sai, nonché polizza Cumulativa Studenti n. 072576154 della Compagnia Assicuratrice Allianz-Ras. 

Inoltre, così come previsto dalla Convenzione Università/Ordine CdL, lo studente/tirocinante dovrà presenziare agli eventi formativi previsti dal Consiglio dell’Ordine di Pavia nonché convegni e lezioni di deontologia professionale da quest’ultimo organizzati.  

A termine del periodo semestrale verrà rilasciata dal professionista/tutor una certificazione attestante l’esito positivo o negativo del periodo di praticantato (vedasi allegato).

Allo studente tirocinante ammesso alla frequenza dello Studio è data facoltà di richiedere l’immediata iscrizione al Registro dei praticanti tenuto dal Consiglio dell’Ordine di Pavia nel rispetto delle disposizioni di cui al vigente Regolamento sul tirocinio obbligatorio per l’accesso alla professione di Consulente del Lavoro. In caso di mancato esercizio dell’opzione di cui al comma che precede, lo studente/tirocinante dovrà obbligatoriamente iscriversi al Registro dei praticanti dei Consulenti del Lavoro entro 6 mesi dal conseguimento della laurea, pena l’impossibilità di vedersi riconosciuto il semestre di tirocinio effettuato ai sensi dell’art. 9, comma 6, del D.L. 24 gennaio 2012, n. 1.  

Il numero massimo di studenti da ammettere al tirocinio sarà definito dal referente del Dipartimento di giurisprudenza, Dott. Marco Ferraresi, anche per le facoltà di economia e scienze Politiche e dal referente dell’Ordine dei Consulenti del Lavoro di Pavia, Dott. Claudio Zaninotto, in relazione al numero di studi professionali che, di volta in volta, si renderanno disponibili a ricevere i tirocinanti.

Per periodi di studio trascorsi all’estero, inoltre, il tirocinio può essere temporaneamente sospeso per la frequenza di corsi riconosciuti dall’Università.

La convenzione prevede altresì che l’Ordine dei Consulenti del Lavoro di Pavia, oltre ad individuare gli studi disponibili ad accogliere i tirocinanti, coinvolgerà gli studenti/tirocinanti, in tutte le iniziative formative attivate per la formazione continua con particolare attenzione alla deontologia professionale. 

Pavia, 19.02.2016

                                                                                                                                                                                                                        

                                                                         Il referente Università di Pavia / Consiglio Provinciale Cdl

                                                                                                      Dott. Claudio Zaninotto

Esami di Stato 2016

04/02/2016 | Bando Esame di Stato Sessione 2016

Termine ultimo presentazione domanda 15 LUGLIO 2016

Fatturazione Elettronica

05/06/2015 | CODICE UNIVOCO UFFICIO PAVIA

Fatturazione elettronica

Al via dal 31 marzo la ricezione delle fatture unicamente in formato elettronico

COMUNICAZIONE CODICE UNIVOCO UFFICIO DESTINATARIO DELLA FATTURAZIONE ELETTRONICA AI SENSI DEL D.M. N. 55 DEL 3 APRILE 2013 - OBBLIGO DAL 31 MARZO 2015.

 

 

Si informa che ai sensi del Decreto Ministero dell’Economia e delle Finanze 02.04.2013 n. 55 e dell’art. 25 del D.L. n. 66/2014, convertito con modificazioni dalla Legge 23 giugno 2014 n. 89, dal 31 marzo 2015 diventa obbligatoria, nei rapporti commerciali tra la Pubblica Amministrazione e i fornitori, la fatturazione elettronica.

Nel rispetto di tali disposizioni, l’Ordine dei Consulenti del Lavoro di PAVIA, dal 31 marzo 2015, accetterà solo fatture trasmesse in forma elettronica secondo le specifiche tecniche di cui all’allegato A “Formato della fattura elettronica” del citato D.M. n. 55/2013 e reperibili sul sito www.fatturepa.gov.it.

 

 

Il Codice Univoco Ufficio da inserire obbligatoriamente nell'elemento “Codice Destitario” del tracciato della fattura elettronica, per quanto riguarda l’Ordine dei Consulenti  del Lavoro di Pavia, è il seguente: CODICE UNIVOCO UFFICIO: UFG0MV